HOSPITAL CONSULTING: NUOVI SERVIZI PER ABBATTERE LE INFEZIONI OSPEDALIERE

Firenze, 14 dicembre 2021.

Il tema è quanto mai attuale per l’Italia se si considera che nelle stime Ocse relative agli effetti delle infezioni resistenti agli antibiotici in un periodo proiettato fino al 2050, pone il nostro paese in posizioni di fanalino di coda per numero di decessi, (450mila fino al 2050), anni di vita persi in salute e giornate di extra ospedalizzazione connesse alle infezioni antibiotico resistenti. Occorre quindi affrontarlo concretamente soprattutto alla luce della pandemia che stiamo vivendo.

Proprio di questo si è parlato durante la tavola rotonda che si ha tenuta nell’ambito del “Forum Risk Management” ad Arezzo dal titolo “ICA, ovvero le infezioni correlati all’assistenza: dopo 2 anni di COVID”. Al confronto hanno partecipato esperti provenienti dal mondo sanitario, operativo, scientifico, legale e rappresentanti di due società innovative: Hospital Consulting e VAR Group/Promass.

Tra i temi trattati anche l’obbligo da parte delle strutture sanitarie di aver posto in essere tutto quanto necessario per evitare che la insorgenza di una l’infezione correlata all’assistenza, la cosiddetta inversione dell’onere della prova. Questo fatto richiede una organizzazione che non è sviluppata secondo i requisiti richiesti dalla giurisprudenza in questo momento nelle strutture sanitarie. Proprio per questo Hospital Consulting (HC), società leader sul mercato sanitario, propone una soluzione per supportare la gestione delle ICA nelle strutture sanitarie.

“Il contenimento delle ICA richiede una gestione integrata di un processo complesso che passa attraverso le attività di prevenzione, controllo e sorveglianza e che deve puntare al miglioramento continuo. Per questo abbiamo sviluppato dei servizi a supporto delle strutture sanitarie che includono l’implementazione di sistemi di gestione, il supporto all’ottimizzazione dei processi sanitari e il Software per la gestione dei processi. È previsto anche un affiancamento relativamente alle attività operative delle strutture sanitarie che prevedono una overview iniziale e successivamente la riorganizzazione dei processi.”, dichiara l’Ing. Giovanni Ricci, Vicepresidente Hospital Consulting. “Per combattere questo fenomeno dobbiamo andare oltre le intenzioni e approfondire il tema in maniera seria e concreta”, conclude Ricci.

 

Hospital Consulting (HC) – leader nella consulenza, nella gestione e nella manutenzione di apparecchiature biomedicali e ambientali – opera su tutto il territorio italiano dal 1980 per enti e strutture sanitarie e ambientali, pubbliche e private. In particolare, attraverso le sue aree di attività, la società con la sua divisione Engineering, affianca i centri trasfusionali nella gestione dei processi complessi con l’obiettivo di rispondere all’evoluzione della richiesta in termini di qualità, sicurezza ed efficienza, fino a proporsi come partner in progetti complessi di Partenariato Pubblico Privato. www.hospital-consulting.it